Una certa idea dell’Elba. Tra lingua di plastica e “parole mito”

Faro a Rio Marina

Il faro di Rio Marina da elbaword.com

“Si usa un linguaggio uniformato e sciatto, abbonda la gergalità, il lessico si impoverisce e si standardizza, proliferano gli anglismi e l’omologazione linguistica”.

Lo scriveva dieci anni fa Maurizio Boldrini in Lezioni di giornalismo. Teorie e tecniche del linguaggio giornalistico (Protagon Editori Toscani, 2000) parlando della lingua di plastica.

Un processo di impoverimento liunguistico a causa del quale si consolidano nel parlato espressioni quali: “Il progetto paese”; “a trecentosessanta gradi”; “non scartiamo nessuna ipotesi”; “si è chiamato fuori”; “smentite le previsioni”; “atteso vertice”; “clamoroso arresto”.

Tutte frasi che tolgono peculiarità, con il loro frequente utilizzo, alla lingua del mezzo (Boldrini parlava dei quotidiani) e appiattiscono il registro linguistico omologandolo ai canoni televisivi (ricordo con orrore il “piuttosto che” non avversativo come creatura televisiva poi diffusa nel linguaggio comune).

Ecco, tutto questo mi è venuto in mente leggendo Una certa idea dell’Elba (mi scuso con l’autore, con l’editore e con il protagonista del libro: avrei voluto mettere un link ad un negozio on line, ma non ne ho trovati che vendessero il testo in questione) che non sembra sfuggire a questa deriva, pieno di frasi del calibro: “discesa in campo” (pg 30); “attacchi durissimi” (59) e via così.

Non solo lingua di plastica, ma anche frasi e costruzioni retoriche abbondano, quasi fosse un annuncio politico bello e buono e non una intervista tra giornalista e politico. Succede così che si metta ben evidenza come la folla per le elezioni amministrative fosse assai più numerosa in presenza di Bosi rispetto a quella con Mussi (31), che si è “Al lavoro per il futuro di Rio Marina” (45); dove il progetto del protagonista del libro è, manco a dirlo, “affascinante”.

Tutto condito da passaggi colloquiali come un “bravo!” (50), oppure un “Qui ti volevo!” (88) riferito all’intervistatore, che fanno sembrare il volume una chiaccherata da bar tra a mici.

Amico non è solo l’intervistatore, Alberto Giannoni, ma anche chi fa la prefazione, Giovanni Pallanti che si presta a tessere le lodi del compagno in queste 100 pagine.

Una chiaccherata tra amici che ha il sapore della propaganda politica, con ricchi elogi per il sindaco di Rio Marina e il suo staff (Paola Mancuso, caldeggiata dal sindaco per la nomina all’Autorità portuale di Piombino, ringraziata per la “provvidenziale e frenetica attività“) e argomenti tirati fuori ad hoc.

Chiudo avvisando chi voglia spendere 14euro per questo libro a cosa va incontro: uno scritto di propaganda pura. Ma forse è proprio quello che vogliono gli elettori di Bosi.

A proposito: Fabio Mussi è il nome più citato in tutto il libro. Ci sarà un perché?

Ps: non ho letto volutamente le altre recensioni (o meglio osservazioni, critiche e commenti) al libro che ho visto sono state fatte da Umberto Mazzantini e dal sindaco di Rio nell’ Elba Danilo Alessi per partire il più neutro possibile rimanendo sull’analisi del linguaggio e del tono utilizzato e senza entrare nel merito politico.

Pubblicato il 18 ottobre 2010, in Comunicazione, Elba, Giornalismo, Politica con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 3 commenti.

  1. Mi trovi totalmente d’accordo!

    Si potrebbe aggiungere che siamo nella “morsa del freddo” piuttosto che nell’inverno! Ahahahah!

    • Eh sì, hai ragione: direi inverno piuttosto che freddo piuttosto che ghiaccio piuttosto che aiutoilpiuttostocheavversativo :p

      Ci si sta davvero impoverendo: già leggiamo poco in generale, usiamo le stesse parole e la tv è ancora la padrona dell’informazione. Altro che internet, e-government, realtà aumentata..

      Comunque quale freddo scusa? Oggi da noi 25 gradi e uccellini impazziti🙂

      • Ma uccellini veri o quelli di Twitter?!
        Fa bel tempo anche da me, checchè si ami dire “non ci sono più le mezze stagioni”!
        E sulla scia del nome del blog…mobbasta però!
        W l’itagliano!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: